giovedì 24 giugno 2010

Il silenzio degli amici

-
"La cosa più difficile, ma necessaria è amare la vita, amarla anche nella sofferenza...E questo è un grande e sofferto “atto d’amore”
con queste parole iniziava una lunga lettera  inviatami da Enrica, più di un anno fa, che ho pubblicato qui.  
"sono mamma che per 30 anni ha vissuto 24 ore su 24 con una figlia ammalata psichica gravissima"  proseguiva  "e che ora da 7 anni seguo in istituto: e cosa vedo? Madre e padri che accudiscono “gli ultimi” che soffrono tanto e tanto! Rarissime volte possiamo accarezzarli ma assistiamo impotenti quando in crisi li vediamo legati o chiusi in camera di sicurezza… e soli! Dove vado io e mio marito ci sono mille ammalati non più gestibili in famiglia. Quanti genitori sono in queste nostre condizioni! Eppure siamo sempre lì a fianco di tanto dolore."

Ieri le è stato comunicato che Giuliana verrà dimessa dalla struttura in cui è ricoverata ad anni: da ieri, per loro, inizia un nuovo cammino, lungo e difficile. A chi chiedere un aiuto, un consiglio? Come affrontare di nuovo strade già percorse invano? Come trovare la forza di ricominciare? Come superare la sensazione di grande ingiustizia e solitudine che ti sovrasta in questi momenti? Chi può dare un aiuto?
Quando mille domande si sovrappongono alle sensazioni di confusione e disorientamento, quando non si trovano punti di riferimento e le espressioni più semplici perdono il loro significato, è difficile trovare le parole giuste e dare le giuste risposte. "Alla fine, ricorderemo non le parole dei nostri nemici, ma il silenzio dei nostri amici" diceva Martin Luther King.

lunedì 21 giugno 2010

Notte prima degli esami

-
(gli occhi di un gatto sono finestre che ci permettono di vedere dentro un altro mondo)

lunedì 21 giugno 2010

Oggi ci siamo consultate circa l'imponderabilità. Esiste, anche nella nostra quotidiana vita di gatte: la pioggia improvvisa durante una passeggiata, il topo che sfugge dalle grinfie, il cuscino preferito in lavanderia, qualsiasi cambiamento non deciso da noi, una porta chiusa..."Questa gattina non correrà mai" ha detto il veterinario, dopo aver esaminato Meggie, che ora sfreccia da una stanza all'altra.
Insomma, tutteccose imponderabili.

Domani tocca a Ro, che, nel tentativo di ridurre l'imponderabile, cerca di conoscere e ricordare tutto quello che è stato pensato, inventato, progettato, realizzato, costruito, calcolato, prodotto, scritto, tradotto, ideato, dipinto, composto.
Mancano poche ore, poi arriverà la sera e poi la notte. Prima degli esami.
Ro, sarà una giornata lunga e poi una notte lunga: vivila perchè l’importante non è quello che trovi alla fine di una corsa ma quello che provi mentre stai correndo.

Pubblicato da Tina
-

martedì 15 giugno 2010

Le Vuvuzelas, protagoniste dei Mondiali di Calcio 2010

-
Cosa era il rumore insistente che ieri sera accompagnava le immagini della partita Italia - Paraguay?

Se a noi ricorda il  fastidioso ronzio  di uno sciame di calabroni - impossibile escluderlo dal nostro cervello - per i tifosi della nazionale di calcio del Sudafrica è un suono ben conosciuto, emesso con le Vuvuzelas: un incitamento per i "loro ragazzi", un tormento per gli avversari, che crea loro fastidio e difficoltà di comunicazione.

Mentre la BBC è alla ricerca di un filtro digitale per attenuare l'odioso "effetto alverare" che accompagna le trasmissioni delle partite, qualcuno ha sviluppato un App per iPhone che, pare, abbia ottenuto grande successo in Rete.


E le Vuvuzelas,  trombette il cui nome in lingua zulù significa "che fa rumore",  sono  ora pubblicizzate, vendute e ricercate, al di fuori dei confini d'origine. 


Pronte a sbarcare in Europa, resta da definire il loro ruolo: incitamento o protesta?


sabato 12 giugno 2010

Waka Waka This Time for Africa

-
Waka Waka: la canzone più ascoltata, il video più visto, in questi giorni in tutto il mondo. E mentre ascoltiamo le parole "Tsamina mina / Waka waka / Tsamina mina zangalewa" e scopriamo che hanno un significato a noi sconosciuto, quasi intraducibile perchè rappresentano un mondo lontano, ci avviciniamo all'Africa.

Waka Waka, cammina cammina.





Listen to your God; this is our motto                  Ascolta il tuo Dio, questo è il nostro motto
Your time to shine                                             E' il tuo momento per brillare
Don’t wait in line                                               Non attendere dietro agli altri
Y vamos por todo                                              Allora andiamo
People are raising their expectations                  Si alzano le aspettative delle persone
Go on and feel it                                               Vai avanti e sentilo
This is your moment                                          Questo è il tuo momento
No hesitation                                                    Non avere esitazioni



(Shakira - Waka Waka Official Video World Cup South Africa 2010 HD canzone ufficiale mondiali Sudafrica 2010)

giovedì 10 giugno 2010

Dedica

-
Ai momenti divertenti,
alla rabbia,
alla determinazione nel continuare,
alla voglia di mollare,
agli abbracci,
ai pianti,
ai sorrisi,
alle incomprensioni,
agli attimi di complicità,
ai momenti in cui ho creduto di aver sbagliato tutto
e a quelli in cui ho creduto di aver fatto la scelta migliore,
a tutto quello che in questi cinque anni ci avete insegnato,
a tutto quello che in questi cinque anni ci ha fatto crescere,

...Tutto lì dentro...

a Voi che c'eravate,
a Voi con cui sono cresciuta,
a Voi che mi avete capita,
a Voi che non avete capito proprio niente,
a Voi che mi avete insegnato tanto,
a Voi da cui ho imparato tanto,
a Voi che avete tutta la mia gratitudine,
a Voi che mi avete aiutata,
a Voi che mi avete sostenuta,
a Voi che mi avete incoraggiata,
a Voi che mi avete resa diversa,
a Voi che ve ne siete andati,
a Voi che siete passati,
a Voi che mi avete accompagnata in tutto questo percorso,

a Te che sei sempre stata disponibile,
a Te che sei arrivata quest'anno, ma mi sei entrata nel cuore,
a Te che solo ora sto capendo davvero che persona sei,
a Te, la mia migliore amica, la cosa più bella che mi sia capitata in quella scuola.

Non vi dimenticherò mai.

..."E' tutto scritto ed è qui dentro e viene tutto via con me"...
-

sabato 5 giugno 2010

"Quando mi vieni a prendere" di Ligabue: il mondo visto con gli occhi dei bambini


Mia madre che ha insistito che facessi colazione
e sa che la mattina il mio stomaco si chiude
ho finto di esser stanco, ho finto di star male
lei non ci casca più e io non schivo più l’asilo

In macchina si è messa a cantarmi una canzone
è sempre molto bella
anche se oggi non mi tiene
Il latte viene su
e mi comincio a preoccupare
che in mezzo a tutti gli altri
mi vergogno a vomitare

Quando mi vieni a prendere?
Quando finisce scuola?
Quando torniamo ancora insieme a casa?
Quando mi vieni a prendere?
Dammi la tua parola.
Quando giochiamo insieme a qualche cosa?

E la maestra oggi
sembra molto più nervosa
non so se è colpa nostra
o se sente chissà cosa
un paio di noi altro le fanno sempre fare il pieno
e io vorrei soltanto
che non mi stessero vicino

e poi è stato come quando tolgono la luce
e la maestra urlava come con un’altra voce.
Se non stiamo buoni arriva forse l’uomo nero
io prima ho vomitato e lui adesso è qui davvero







Quando mi vieni a prendere?
Quando finisce scuola?
Quando torniamo ancora insieme a casa?
Quando mi vieni a prendere?
Dammi la tua parola.
Vieni un po' prima fammi una sorpresa

L'uomo nero forse è qui
perchè ci vuol mangiare
non vedo la forchetta
ma il coltello può bastare
ti chiedo scusa mamma se ti ho fatta un po' arrabbiare
ma fai fermare tutto
che ho capito la lezione
e tu e papà che litigate spesso sul futuro
e io che sempre chiedo
ma il futuro che vuol dire

e l'uomo nero gioca
e questo gioco quanto dura
forse dopo questo gioco
avrò meno paura

Quando mi vieni a prendere?
Quando finisce scuola?
Quando torniamo ancora insieme a casa?
Quando mi vieni a prendere?
Dammi la tua parola.
Ti devo chiedere un'altra volta scusa

e la maestra adesso è sdraiata e sta dormendo
i miei amici urlano, qualcuno sta ridendo
ci sono le sirene e sono sempre più vicine
che giochi enormi che sa organizzare l’uomo nero
i miei amici ora stanno solamente urlando
e tutti quanti insieme
è proprio me che stan guardando
ma non ho scelto io di stare qui con l'uomo nero
appena lui mi lascia
è con voi che voglio stare

Quando mi vieni a prendere?
Quando finisce scuola?
Quando torniamo ancora insieme a casa?
Quando mi vieni a prendere?
Dammi la tua parola.
Vieni un po’ prima
fammi una sorpresa

Luciano Ligabue  - Quando mi vieni a prendere (Dendermonde 23/01/09) -  Album "ARRIVEDERCI, MOSTRO!" -
pubblicato e distribuito da Warner Music

Vedi altro: I mostri e il paese delle favole nell'album di Ligabue

giovedì 3 giugno 2010